Come analizzare fisicamente un disco in Linux

Condividi

Piccoli comandi per grandi risultati

In Windows sappiamo che esiste l’utility Scandisk (o chkdsk) che permette di effettuare l’analisi del disco e tentare eventualmente la riparazione.

E ti chiederai: “in Linux come si fa?”
Per gli amanti del terminale basta lanciare un bel comando chiamato badblocks.

In realtà badblocks analizza il disco, non tenta la riparazione.
Quindi lanciando da root (o usando sudo) scriviamo:
# badblocks -v /dev/hda1 > lista

Lasciamo lavorare il programma e alla fine andiamo a vedere se il file “lista” è stato popolato.

Nel caso possiamo marchiare i settori trovati come non utilizzabili lanciando l’utiliti di manipolazione del filesystem:

# e2fsck -l lista /dev/hda1

Lasciamo lavorare e alla fine avremo il nostro disco con i settori marchiati.
Suggerimento mio: se ho un disco con settori “andati”, a sto punto lo cambio prima del disastro.

DISCLAMER: usate le informazioni di cui sopra a vostro rischio e pericolo. Non mi ritengo responsabile di qualsiasi problema possa insorgere nel lanciare i comandi riportati. Se non avete competenze tecniche, lasciate stare.